EFFETTO GREGGE

(tempo di lettura 3 min)

Cosa è l’effetto gregge? È quella tendenza ad uniformarsi alla “logica” e alle opinioni della maggioranza. Come si sviluppa? Normalmente quando ci troviamo di fronte ad una scelta tendiamo ad informarci e alla fine ad uniformarci a quelli che sono i comportamenti della maggior parte delle persone. Quello che ci dà conforto è che se una cosa la fanno in tanti sicuramente è una cosa giusta; in questo caso ci dà una “mano” la statistica:

maggiore è il numero di persone (campione) che adotta quel comportamento, maggiore è la probabilità che quel comportamento sia giusto. Niente di più sbagliato!

La statistica, in questo caso, ci spiega come si comportano le masse ma non dice se il comportamento sia giusto o sbagliato. Mi dispiace per le scienze statistiche ma in questo caso non ci sono di aiuto, anzi. Bisogna considerare una serie di parametri. Se la massa adotta un comportamento o fa una scelta bisognerebbe capirne i motivi. Potrebbe averla fatta solo per evitare di imbattersi in una situazione sconosciuta che potrebbe creare ansia, paura, fatica o altro. Sono i nostri motivi? D’altronde l’unico modo per non imbattersi in un contesto rischioso è quello di continuare a fare quello che è sempre stato fatto. 

Non fa una piega! Ma in questo modo il vero rischio potrebbe essere quello di perdere qualcosa che, sì, non conosciamo ma potrebbe essere migliore di quello che abbiamo. La bilancia che usa l’effetto gregge è una bilancia truccata, dove il piatto del “lo fanno tutti quindi lo faccio anch’io”, pesa di più in partenza e ci dà la possibilità di dividere con la massa la colpa di non cercare di venire fuori da situazioni che in molti casi non ci soddisfano o facciamo finta che ci soddisfino. “Lo fanno tutti quindi lo faccio anch’io”. 

Alla fine è solo una questione di testa e di quanto ci vogliamo bene. 

Ed ecco che le persone si dividono in due categorie: chi si vuole bene e chi non si vuole bene! In altre parole, chi agisce e chi non vuole agire, chi vuole usare il cervello e chi non vuole usare il cervello!

C. D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.