IL MOTIVATORE: una figura complessa

(tempo di lettura 5 min)

Il motivatore: una figura complessa e a volte emblematica. Da un po’ di anni a questa parte c’è, chiamiamolo così, un risveglio delle coscienze probabilmente dovuto ai tempi critici e veloci che stiamo vivendo, al cambiamento di valori e soprattutto ad un aumento di stimoli provenienti dall’esterno che ci fa riflettere sulla nostra condizione individuale all’interno delle nostre società. Quello che a me sembra più evidente è che si è arrivati ad una omologazione del modo di vivere. Mi spiego meglio: sin dai primi anni della nostra vita sviluppiamo il senso di programmare il nostro vivere in base alle aspettative che abbiamo. E fino a qui niente di strano. La cosa che invece risulta essere singolare, a mio parere, è il fatto che le aspettative del singolo individuo dovrebbero scaturire da suoi intimi desideri e invece a volte provengono dall’esterno. Quindi spesso seguiamo le indicazioni che vengono dai nostri genitori, dai nostri amici, dalla società in cui viviamo, ecc.

Avete letto fino a questo punto? Sì? Bene! Ora cambiamo argomento e parliamo del titolo in testa a questo articolo: il motivatore. Proprio per quello che ho premesso inizialmente e che sicuramente può essere opinabile, negli ultimi anni sono cresciute di numero le figure “professionali” che avrebbero lo scopo di aiutare le persone che si trovano nel caos e nel marasma di questa società e non riescono ad affrontare serenamente e con mente lucida il loro percorso di vita (attenzione per figure “professionali” non intendo psicologi, psicoterapeuti e figure analoghe). Basta accedere a Facebook per notare che c’è un’infinità di annunci pubblicitari di formatori, coach e motivatori che promettono di cambiare la nostra vita, di farci crescere personalmente e professionalmente e di farci raggiungere la libertà finanziaria. Uff! Che fatica!

A questo punto è doverosa una precisazione: non sto parlando di formatori e coach altamente qualificati bensì di motivatori “puri”. Ad esempio quelli che si trovano in alcuni business e network dove fanno della motivazione il loro cavallo di battaglia. Non so se avete presente i “siamo troppo forti”, “sei grandissimo”, “puoi arrivare dove vuoi” … e dove ti propongono di arrivare? Dove sono arrivati loro; una bella macchina, un bel conto in banca, un bel Rolex e un bel viaggio alle Maldive.

Sì, oggettivamente tutte belle cose. Ma è proprio vero che siano le cose che desiderano tutti? O forse qualcuno potrebbe solo desiderare una bella gita fuori porta con la propria famiglia, un reddito che gli permetta di non avere grandi preoccupazioni, avere amici per cazzeggiare e scherzare? È verissimo che tutti abbiamo grandi potenzialità ma il motivo per usarle deve scaturire dai nostri più intimi desideri e non dai desideri di altri altrimenti sceglieremmo di fare la vita di qualcun altro. Il motivatore avrebbe senso solo se aiutasse la persona che ha un fortissimo desiderio, una fortissima voglia di arrivare dove vuole arrivare e non sa come fare. Le tenta tutte ma non riesce ad arrivare alla sua meta e allora in questo caso il compito del motivatore (il vero coach o formatore) è quello di indicare la strada, insegnargli come fare, seguirlo e gioire per ogni piccolo centimetro conquistato insieme. E poi c’è una cosa, a mio parere, molto più importante: il coach dovrebbe aiutare a scoprire se la persona ha veramente degli obbiettivi, se ha dei veri desideri da realizzare. Perché uno dei problemi di questo periodo è che spesso non abbiamo le idee chiare.

Gli obbiettivi veri non dovrebbero essere scelti in base a cosa vogliamo avere ma in base a chi vogliamo essere. Devono scaturire dai valori che noi abbiamo e non viceversa. Perché a volte le persone vorrebbero di più ma realmente non sanno cosa e non c’è nessuno che possa vendere o regalare loro dei desideri, degli obbiettivi o un entusiasmo di seconda mano. Perché a qualcuno potrebbe bastare starsene buttato sul suo divano a fare zapping ed essere contento come chi è alle Maldive, e nessuno, ma dico nessuno, può contestargli questa scelta!

C.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.