LA REGOLA DEI 5 SECONDI (Mel Robbins)

(Libri)

FALLO E BASTA!

Le decisioni prese in 5 secondi possono cambiare il nostro modo di vivere, Questo è quello che sostiene Mel Robbins nel suo best seller “La regola dei 5 secondi”. Ho fatto un richiamo a questo libro in un mio articolo precedente che parlava della procrastinazione.

Due parole sulla Robbins: nata il 6 ottobre 1968, ha iniziato la sua carriera come avvocato penalista, è una commentatrice della CNN ed è una delle speaker motivazionali più seguite sui temi che riguardano il cambiamento e la crescita personale. Il suo TEDx talk sull’auto sabotaggio ha più di 10 milioni di visualizzazioni. Nel talk ha preso spunto dal suo libro più famoso ” La regola dei 5 secondi“.

Il metodo che propone nel suo libro, ha delle basi scientifiche e dà risultati veloci, anche se, come sostiene l’autrice, è semplice ma non facile. Tutto si basa su decisioni prese nell’arco di 5 secondi; un agire senza riflettere, un fare azioni coraggiose senza dare modo alla mente di pensarci. 

Ho letto questo libro circa due anni fa e ho potuto constatare che effettivamente il metodo dà risultati. Fondamentalmente si basa sul fatto che, se nella giornata raggiungiamo un obiettivo, il nostro cervello si predispone a raggiungerne altri. Come quando programmiamo un obiettivo il nostro cervello programma tutti i passi che si dovranno fare per raggiungerlo. Quindi diciamo che parte del lavoro è già fatto. 

Quindi dov’è l’intoppo? Proprio nel fare il primo passo per innescare il meccanismo. E qui ci viene in aiuto il conto alla rovescia proposto dalla Robbins. Contiamo da 5 a 1 e poi agiamo, senza pensarci. Questo metodo del conto alla rovescia è liberatorio perché ci esonera dal compito di ragionare sull’azione e fa in modo che il nostro cervello non abbia il tempo di consigliarci di rimandare (lo sappiamo che il nostro cervello è un gran risparmiatore di energie).

 

C’è un altro problema anche se risolvibile. Questi libri per quanto efficaci non sono come una cura che elimina il problema, a volte si può ricadere (nel caso specifico) nella procrastinazione, quindi sarebbe utile, ogni tanto, rileggerlo.

In sintesi: un buon libro che dà risultati nel breve periodo. Consigliatissimo! (ora vado a rileggerlo).

C.D.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *